ECONOMIA, CONSERVAZIONE, TECNOLOGIE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI

PROGRAMMA

torna indietro

VENERDI' 24 MARZO
  • VENERDI' 24 MARZO

     

    Ore 9:30 – 13:30

    Sala Ariostea, pad. 5

    L’Ermitage al Salone del Restauro 2017.

    Il restauro delle opere di pittura e dei materiali fotografici al Museo Statale dell’Ermitage.

    Organizzato da MUSEO STATALE dell’ERMITAGE, in collaborazione con Ermitage-Italia

    Coordinamento scientifico: Sezione di restauro e conservazione del Museo Statale dell’Ermitage

     

    All’Ermitage,  la conservazione delle opere d’arte ha una storia secolare . Risale infatti all’epoca di Caterina II l’origine della fondazione del Laboratorio di restauro della pittura ad olio. Una collezione di pittura dell’Europa occidentale, formata da 225 quadri, fu acquisita per l’imperatrice nel 1764, e per curarla furono invitati dei famosi pittori. Il Laboratorio di restauro dei materiali fotografici, invece, è stato costituito nel 2011, dando vita così per l'Ermitage a una nuova direttrice di lavoro: la conservazione delle sue vastissime collezioni di fotografie.

     

    Introduzione: Svetlana Petrova, Responsabile del Laboratorio di restauro della scultura e pietra dura dell’Ermitage, coordinatrice della partecipazione dell’Ermitage al Salone del Restauro di Ferrara

    Ore 9:20: Le botteghe di restauro dell’Ermitage: tradizione e attualità.

    Relatore: Natalia Polevaya, Collaboratrice scientifica della Sezione di restauro e conservazione dell’Ermitage

    Ore 9:45: Restauro della pittura italiana nel Museo Statale Ermitage. Panoramica dei lavori più importanti degli ultimi 15 anni.

    Relatore: Marina Guruleva, Collaboratrice scientifica del Laboratorio di restauro della pittura ad olio dell’Ermitage

    Ore 10:05: “La conversione di Saulo” di Paolo Veronese. Ricerca e restauro.

    Relatore: Maxim Lapshin, Restauratore del Laboratorio di restauro della pittura ad olio dell’Ermitage

    Ore 10:25: Salvaguardia della collezione dei materiali fotografici nel museo: conservazione preventiva e restauro.

    Relatore: Tatiana Sayatina, Responsabile del Laboratorio di restauro dei materiali fotografici dell’Ermitage

    Ore 10:55: Monitoraggio dello stato di conservazione dei dagherrotipi per la mostra  “L’epoca dei dagherrotipi. La fotografia dei primordi in Russia”, nel  Museo Statale Ermitage.

    Relatori: Tatiana Sayatina, Responsabile del Laboratorio di restauro dei materiali fotografici dell’Ermitage;Paul Messier, Head, IPCH Lens Media Lab, Yale University;

    Jiuan Jiuan Chen, Assistant Professor, Art Conservation Department, SUNY Buffalo State;

    Ore 11:20: Le peculiarità del ritocco delle stampe fotografiche su carta salata (Atelier di Serghej Levitzkij. San Pietroburgo, Russia, 1850)

    Relatore: Olga Eberts, Restauratrice del Laboratorio di restauro dei materiali fotografici dell’Ermitage

    Ore 11:45: Esperienze nella predisposizione di stampe fotografiche per la mostra “L’Atelier La pittura della luce” di Levitskij. I primordi della fotografia nelle collezioni del Museo Statale Ermitage”

    Relatore: Aleksei Kosolapov, Restauratore del Laboratorio di restauro dei materiali fotografici dell’Ermitage

     

     

    Ore 9.30 – 13:00       

    Sala Massari, pad. 4 

    Il restauro degli edifici tutelati: miglioramento strutturale e conservazione

    Organizzato da ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI FERRARA

    In collaborazione con: Assorestauro

     

    Il seminario vuole essere occasione di confronto sul tema del miglioramento strutturale nei casi di intervento sugli edifici storici tutelati, comprendere quali gli indirizzi possibili nei casi di intervento che pongono difficili soluzioni di sintesi fra la problematica strutturale e la conservazione degli apparati artistici e culturali. L'incontro permette di approfondire quali le strutture preposte alla valutazione dei progetti, quali gli strumenti utilizzati e utlizzabili, nell'obiettivo di fare un punto di sintesi critica di medio periodo dei lavori in corso dopo il succedersi degli eventi sismici del 2012.

     

    Ore 9:30 – 9:45: Introduzione e moderazione dei lavori del seminario.

    Relatore: Angela Pardi, Presidente Fondazione Architetti di Ferrara

    Ore 9:45 – 10:15: “Garantire la tutela tra istanze conservative e prestazionali, l’esperienza della Commissione Congiunta nel Sisma Emilia-Romagna”.

    Relatore: Ambrogio Keoma, Funzionario architetto, Coordinatore Sisma, Soprintendenza ABAP

    Ore 10:15 – 10:45 : La sintesi sui cantieri in corso e due casi studio: Palazzo Massari e la chiesa della Certosa

    Relatore: Aldo Modonesi, Assessore Lavori Pubblici Comune di Ferrara; Natasha Frasson, Dirigente Servizio Beni Monumentali

    Ore 10:45 – 11:15: Gli impegni della Curia di Ferrara-Comacchio nella ricostruzione post-sima: lavori conclusi nel Duomo di Bondeno e da iniziare nel Palazzo Arcivescovile.

    Relatore: Don Stefano Zanella, Direttore Ufficio Tecnico Diocesano

    Ore 11:15 – 11:30: La carta di Macerata, come ricostruire metodologie e prassi

    Relatore: Alessandro Zanini, Presidente di Assorestauro

    Ore 11:30 – 11:45: La carta di Macerata, come ricostruire metodologie e prassi

    Relatore: Francesco Giovanetti, Presidente di ARCo

    Ore 11:45 – 12:15:

    Relatore:  Andrea Giannantoni, Ingegnere, Prof. Incaricato Unife Dip. Architettura

    Ore 12:15 – 13:00: Dibattito

     

    Valenza formativa: la partecipazione riconosce i seguenti crediti formativi 4

     

     

     

    Ore 9:30 – 13:00 / 14:00 – 18:00

    Stand A9, pad. 3

    L’Ermitage al Salone del Restauro 2017.

    Workshop: Tecnica di realizzazione e restauro di commesso in lapislazzulo e malachite.

    Organizzato da MUSEO STATALE dell’ERMITAGE, in collaborazione con Ermitage-Italia

    Coordinamento scientifico: Sezione di restauro e conservazione del Museo Statale dell’Ermitage

     

    Nel corso del workshop verrà presentata la sequenza fondamentale delle fasi di realizzazione di oggetti d’arte applicata in lapislazzulo e malachite: taglio dei blocchetti di pietre a fette, ritaglio e precisazione delle sezioni del commesso, assemblaggio e fissaggio, stuccatura, spianatura, lucidatura.

     

    Interventi: Aleksandr Androkhanov, Restauratore del Laboratorio di restauro di scultura e pietra dura dell’Ermitage

     

     

     

    Ore 10:30 – 13:00

    Sala Castello, atrio I piano

    12° Rapporto Annuale Federculture “Impresa Cultura. Creatività, Partecipazione, Competitività”

    Organizzato da FEDERCULTURE

     

    Introduce e coordina: Emilio Casalini, Giornalista e Scrittore

    Presentazione Rapporto Annuale

    Relatore: Claudio Bocci, Direttore Federculture

    Interventi:

    Manuel Roberto Guido, Direzione Generale Musei -  Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; Massimo Mezzetti, Assessore Cultura e Sport – Regione Emilia Romagna; Elsa Signorino, Assessore Cultura – Comune di Ravenna; Paolo Venturi, Direttore - AICCON

     

     

     

    Ore 09:45 – 10:45

    Sala C, tra pad. 5 e 6

    Progetto di ricerca fisco e beni culturali

    Organizzato da UNIVERSITÀ DI CHIETI, Pescara – Dipartimento Scienze Giuridiche e Sociali

     

    Interventi:

    Dr. Silvia Giorgi, Università di Chieti - Pescara

    Dr. Carla Scaglione, Università di Chieti - Pescara 

    Dr. Serena Galeazzi, Università di Chieti - Pescara

     

     

    Ore 10:00 – 10:45

    Sala B, tra pad. 3 e 4

    Il sistema "olistico" di Solumi per la deumidificazione e il restauro degli edifici

    Organizzato da SOLUMI – Soluzioni per l’umidità

     

     

     

    Ore 10:00 – 17:30

    Sala Belriguardo, pad. 4

    Adotta un museo. ICOM Italia per i musei del terremoto 2016.

    Organizzato da ICOM Italia

     

    I terremoti dell'agosto e dell'ottobre 2016 hanno pesantemente colpito i musei del Lazio, delle Marche e dell'Umbria; ben 34 musei di vario tipo sono stati danneggiati e quasi tutti sono ancora chiusi, con grave danno per la loro immagine e per i professionisti che al loro interno lavoravano. ICOM Italia ha lanciato una campagna di solidarietà tra i musei italiani denominata "Adotta un museo", facilitando la ricerca di azioni per il recupero degli edifici, delle collezioni e delle attività che venivano svolte al loro interno. L'incontro descrive quanto fatto fino ad oggi e fa raccontare ai protagonisti della campagna le azioni in atto.

     

    Ore 10:00 – 13:00: Adotta un museo. ICOM Italia per i musei del terremoto 2016.

    Ore 13:00 – 13:30: Presentazione Premio ICOM Italia 2017

    Ore 14:00 – 15:30: Workshop sulla WEB STRATEGY MUSEALE del Gruppo di Ricerca Digital Cultural Heritage di ICOM Italia

    Ore 15:30 – 17:30: Riunioni delle Commissioni tematiche di ICOM Italia

     

     

    Ore 09:30 – 13:00     

    Sala Diamanti, pad. 6

    Identità e prospettive future delle Scuole di Restauro delle Accademie di Belle Arti

    Organizzato dalle SCUOLE DI RESTAURO DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI accreditate

     

    Interventi:  

    Enrico Fornaroli, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bologna;

    Maria Letizia Melina, Direttore generale per lo studente, lo sviluppo e l’internazionalizzazione della formazione superiore - MIUR;

    Francesco Scoppola, Direttore generale educazione e ricerca – MiBACT;

    Giorgio Bonsanti, Presidente della commissione tecnica interministeriale per le attività istruttorie finalizzate all’accreditamento delle istituzioni formative e per la vigilanza sull’insegnamento del restauro;

    Laura Baratin, Presidente del Comitato Nazionale delle Lauree in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali;

    Franco Marrocco, Presidente della Conferenza Nazionale dei Direttori delle Accademie di Belle Arti; Giovanna Cassese, Accademia di Belle Arti di Napoli, Coordinatrice del gruppo di lavoro MIUR-AFAM delle Scuole di Restauro delle Accademie di Belle Arti;

    I Direttori e Coordinatori delle Scuole di Restauro delle Accademie di Bologna, Brera, Brescia, Como, L’Aquila, Macerata, Napoli, Verona.

     

     

    Ore 09:30 – 13.00

    Sala Ermitage, pad. 5

    Il restauro della fontana del Nettuno a Bologna. Report sulle attività in corso

    Organizzato da COMUNE DI BOLOGNA; MiBACT - Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro; ALMA MATER STUDIORUM - Università di Bologna

     

    Gli interventi di restauro della fontana del Nettuno a Bologna sono stati avviati nel 2016 su iniziativa del Comune di Bologna. Il progetto ha visto il coinvolgimento dell’Università di Bologna, dell’ISTI-CNR di Pisa e dell’ISCR, quest’ultimo come progettista ed attuatore degli interventi sulle superfici con un cantiere didattico della sua Scuola di Alta Formazione. I lavori sono ancora in corso e si concluderanno nell’ottobre 2017.

     

    Ore 10:00: Introduzione: il contesto, il progetto, le linee di azione

    Relatore: Fabio Andreon, Direttore settore Edilizia Pubblica - Comune di Bologna; Gisella Capponi,

    Direttore Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) - MIBACT; Fabrizio Ivan Apollonio, Dipartimento di Architettura - Alma Mater Studiorum – Università di Bologna; Roberto Scopigno, Direttore Visual Computing Laboratory - Istituto di Scienza e Tecnologie dell'Informazione (ISTI), CNR

    Ore 11:00: Attività in corso: innovazione e tradizione

    Relatore: Manuela Faustini, Responsabile U.O. Edilizia e Ambiti Urbani Storico Monumentali- Comune di Bologna; Dora Catalano, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) - MIBACT

    Ore 11:30: FOCUS 1 - Il modello 3D, il sistema informativo e l’esperienza di documentazione

    Relatore: Gabriele Bitelli, Dipartimento di Architettura - Alma Mater Studiorum – Università di Bologna; Matteo Dellepiane, Istituto di Scienza e Tecnologie dell'Informazione (ISTI), CNR; Vilma Basilissi /Laura Rivaroli, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) - MIBACT

    Ore 12:15: FOCUS 2 - Nettuno e i bronzi della fontana: degrado e conservazione

    Relatore: Rocco Mazzeo, Dipartimento di Chimica “G. Ciamician” - Alma Mater Studiorum – Università di Bologna; Giuseppe Guida, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) – MIBACT; Vilma Basilissi, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) - MIBACT 

     

     

     

    Ore 10:00 – 17:00

    Sala Schifanoia, pad. 2

    Operatività, ricerca e formazione. Recenti interventi dell'Opificio delle Pietre Dure

    Organizzato da OPIFICIO DELLE PIETRE DURE, LABORATORI DI RESTAURO DI FIRENZE e MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

     

    Ore 10:00 – 13:00: Prima sessione

    Moderatore: Bruno Santi

    Ore 10:00: L’Opificio e la sua attività nel 2016

    Relatore: Marco Ciatti

    Ore 10:30: L’ITP International training Project. Le nuove frontiere della Scuola di Alta Formazione e di Studio

    Scuola di Alta Formazione e di Studio.

    Relatore: Letizia Montalbano

    Ore 11:00: Recenti restauri di opere robbiane

    Settore materiali ceramici, plastici e vitrei.

    Relatore: Laura Speranza, Shirin Afra, Daniele Angellotto, Maria Grazia Cordua, Chiara Fornari, Chiara Gabbriellini, Mattia Mercante, Francesca Rossi, Filippo Tattini

    Ore 11:30: Il restauro dell’opera di Henry Moore “Working model for oval with points” conservato presso la collezione Peggy Guggenheim di Venezia

    Settore bronzi e armi antiche.

    Relatore: Stefania Agnoletti, Annalena Brini, Andrea Cagnini, Monica Galeotti, Maria Donata Mazzoni, Merj Nesi, Luciano Pensabene Buemi, Simone Porcinai

    Ore 12:00: Il restauro di una scagliola del primo Settecento: la ‘rinascita’ da improprio arredo parietale a paliotto d’altare

    Settore Mosaico e commesso in pietre dure.

    Relatore: Francesca Toso, Annalisa Innocenti, Clarice Innocenti, Chiara Martinelli

    Ore 12:30: La pulitura in acqua degli arazzi: nuove ricerche sui materiali di supporto

    Settore Arazzi.

    Relatore: Isetta Tosini, Gianna Bacci, Martina Panuccio

    Ore 15:00 – 17:00: Seconda sessione

    Moderatore: Marco Ciatti

    Ore 15:00: L’Ultima cena di Giorgio Vasari e il suo restauro

    Settore Dipinti su tela e tavola.

    Relatore: Roberto Bellucci, Ciro Castelli, Alberto Dimuccio, Debora Minotti

     

     

     

    Ore 10:00 – 13:00

    Sala Marfisa, atrio I piano

    Il museo dei cittadini

    Verso un sistema aperto e partecipato dei musei

    Organizzato da ANMLI – Associazione Nazionale dei Musei di Enti Locali e Istituzionali

     

    La tendenza a considerare i musei come istituzioni aperte, che attivano dinamiche di partecipazione e di coinvolgimento dei visitatori, sta legittimando una concezione del museo come luogo sociale, nel quale il pubblico esercita con consapevolezza il suo diritto di cittadinanza ed esprime il suo bisogno di cultura in forme nuove e originali.

    I musei civici, per tradizione e per status istituzionale, sono vocati a rappresentare la comunità urbana e territoriale. La crisi li ha indeboliti, limitandone la disponibilità di risorse. Bisogna trovare gli strumenti per superare questa situazione mortificante. Nel contempo, bisogna valorizzare la creatività e conoscere le buone pratiche e i casi virtuosi, che possono avere il valore di esempi di riferimento.

     

    Introduzione: Anna Maria Montaldo, Presidente ANMLI

    Interventi: Martina Bagnoli, Direttrice delle Gallerie Estensi, Modena – Ferrara – Sassuolo; Roberto Balzani, Università di Bologna, Presidente del Sistema Museale d’Ateneo; Nadia Barrella, ANMLI, Professore di Museologia, Università della Campania; Alessandro Furiesi, ANMLI, Musei di Volterra; Massimo Maisto, Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Ferrara; Franco Marzatico, ANMLI, Soprintendente dei Beni Culturali, Provincia Autonoma di Trento; Vincenzo Santoro, ANCI, Responsabile Dipartimento Cultura e Turismo; Anna Maria Visser, ANMLI, Vicepresidente Comitato Belle Arti del MiBACT; Giuliano Volpe, Presidente Consiglio Superiore del MiBACT.

    Presentazione del libro “UN PATRIMONIO ITALIANO. Beni Culturali, paesaggio e cittadini”, di Giuliano Volpe.

     

     

     

    Ore 10:00 – 12:00

    Stand BRIT, pad. 5

    Imprese creative e rigenerazione urbana.

    Il caso del Bando Incredibol

    Organizzato da ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI FERRARA

    In collaborazione con BRIT e Fondazione Architetti di Ferrara

     

    Il seminario ha lo scopo di far conoscere le ricadute in termini di rigenerazione urbana e riuso di edifici storici abbandonati o sottoutilizzati dell’insediamento di nuove attività di business, con un particolare focus sulle imprese creative e culturali.  Il bando InCrediBol dal 2010 sta facendo scuola su questo tipo di visione. Il seminario porterà l’esperienza dei business case di maggiore successo e di maggiore impatto sul territorio in cui si sono insediati, come il progetto della Velostazione Dynamo di Bologna e gli Esperimenti di riuso urbano per la darsena di Ravenna di Meme Exchange.

     

    Interventi:

    Federica Benatti, Architetta, Phd in tecnologia dell’Architettura, consigliera dell’Ordine degli Architetti di Bologna e giurata del bando Incredibol dal 2010.

                

    Valenza formativa: la partecipazione riconosce 2 crediti formativi agli iscritti all’Ordine degli Architetti, previa registrazione obbligatoria sul sito https://imateria.awn.it

    Per tutti gli altri l’iscrizione al seguente link: https://britsalonerestauro2017.eventbrite.it

    Per info: federica.benatti@mundobrit.com

     

     

     

    Ore 10:00 – 13:00

    Sala D, tra pad. 5 e 6           

    Risultati e tecnologie ENEA applicante negli interventi presso le Catacombe di Priscilla e Sant’Alessandro a Roma

    Organizzato da ENEA - Progetto COBRA: Sviluppo e diffusione di metodi, tecnologie e strumenti avanzati per la conservazione dei Beni culturali, basati sull’applicazione di Radiazioni e di tecnologie Abilitanti.

    A cura di ENEA - Laboratorio Implementazione nuovi Progetti ed Applicazioni in Rete.

    In collaborazione con Divisione Tecnologie Fisiche per la Sicurezza e la Salute; Laboratorio Tecnologie per l’Innovazione sostenibile.

    Coordinamento scientifico: Dr.ssa Beatrice Calosso

     

    ENEA Introduzione il progetto COBRA e gli interventi presso le catacombe

    Relatore: Andrea Quintiliani, Ricercatore ENEA

    Introduzione sulle catacombe di Priscilla e di S. Alessandro (Roma): stato di conservazione e collaborazione con ENEA

    Relatore: Barbara Mazzei, PhD / Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

    Fotogrammetria e ricostruzione 3D mediante tecnologie Low-Cost ed elaborazione di immagini con tecnica SfM nelle Catacombe di Priscilla e Sant’Alessandro

    Relatore:  Marialuisa Mongelli, Ricercatrice ENEA; Irene Bellagamba, Borsista GARR

    Studio preliminare mediante scanner laser RGB-ITR e LIF della Cappella Greca

    Relatore: Massimiliano Guarneri, Ricercatore ENEA

    Caratterizzazione mediante fluorescenza x dei pigmenti delle pitture murali nella Cappella Greca

    Relatore: Claudio Seccaroni, Ricercatore ENEA

    Misure di vibrazione ambientale presso le Catacombe di Priscilla

    Relatore: Vincenzo Fioriti, Ricercatore ENEA

    Indagine termografica finalizzata alla determinazione dello stato di conservazione del supporto pittorico

    Relatore: Angelo Tatì, Tecnico ENEA; Franca Persia, Ricercatrice ENEA

    Caratterizzazione spettroscopica mediante LIF Scanning e Raman applicata ad affreschi nelle catacombe di S. Alessandro

    Relatore: Adriana Puiu, Ricercatrice ENEA; Martina Romani, Università di Roma Tor Vergata

    Conclusioni

    Relatore: Roberta Fantoni, Ricercatrice ENEA

     

     

    Ore 10:00 – 13:00

    Sala A, tra pad. 3 e 4

    eBIM per il recupero e il restauro: existing Building Information Modeling per la gestione dell’intervento sul costruito

    Coordinamento scientifico: DIAPReM, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara TekneHub, Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia E-R

    In collaborazione con Università degli Studi di Parma, DIA, Dipartimento di Ingegneria e Architettura, del Territorio e Architettura; Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”; Harpaceas S.r.l.

     

    L’attuale dibattito in merito agli impatti della progettazione BIM based nella gestione del progetto sul costruito esistente è incentrato su l’integrazione dei dati da rilievo integrato e la gestione di tematiche complesse quali: sicurezza strutturale, rischio sismico, comportamento energetico, metodologie di recupero e restauro, integrazioni impiantistiche.

    Inoltre, ridurre gli errori per ridurre i costi e aumentare la propria competitività sono le leve della diffusione degli strumenti di Building Information Modeling nell’attuale mercato delle costruzioni. Oggi i progettisti investono ben oltre la metà del proprio tempo in attività rivolte a documentare il progetto, durante l’intero ciclo di vita dell’opera, piuttosto che in attività progettuali vere e proprie quali quelle destinate a definire i requisiti e le alternative progettuali e la loro validazione, che risultano particolarmente complesse proprio nell’ambito degli interventi conservativi sul patrimonio storico.

     

    Moderatore: Marcello Balzani, Responsabile Scientifico del TekneHub, Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna

    La filiera digitale nel processo edilizio. Il Building Information Modeling a supporto dell’innovazione

    Relatore: Marco Medici, Federico Ferrari, Università degli Studi di Ferrara
    Dal rilievo laser scanner 3D al progetto: il BIM e l’integrazione del dato rilevato

    Relatore: Cristina Castagnetti, GEIS Srl e Università di Modena e Reggio Emilia

    Il BIM e il progetto dell’esistente

    Relatore: Paolo Giandebiaggi, Chiara Vernizzi, Università degli Studi di Parma

    Tecnologie e progetti per costruire sul costruito con il BIM

    Relatore: Fabio Camorani, Politecnica Modena

    La trasformazione digitale del processo edilizio: dialogo tra tecnologie e strumenti BIM

    Luca Ferrari, Harpaceas Srl

    Il BIM execution plan: interoperabilità del dato e gestione della commessa

    Relatore: Mirco Sorgato, abc.it, Graphisoft Reseller

    Media Partner: Maggioli_Musei

     

     

    Ore 10:00 – 13:00

    Spazio Agorà, Regione Emilia-Romagna, pad. 5

    Ricostruzione beni culturali privati

    Organizzato da REGIONE EMILIA-ROMAGNA

     

    Interventi:

    Ore 10:00 - INTRODUZIONE

    Strumenti per la gestione della ricostruzione post sisma 2012

    Relatore: Stefano Isler, Servizio per la gestione tecnica degli interventi di ricostruzione e per la gestione dei contratti e del contenzioso

    Ore 10:30 - PRESENTAZIONE DI ALCUNI CASI MUDE

    Ex Municipio di Reggiolo

    Relatore: Roberto Angeli, Sindaco del Comune di Reggiolo

    Palazzo Gulinelli di Ferrara (edficio adibito a servizi privati/ONLUS)

    Relatore: Francesca Carli, Istruttore pratiche MUDE, Servizio Qualità Edilizia - Comune di Ferrara; Cristiano Ferrari, Progettista architettonico; Eugenio Artioli, Progettista strutturale

    Edificio Via Fiume di Ferrara (edificio residenziale a prevalenza pubblica, gestione ACER)

    Relatore: Francesca Carli, Istruttore pratiche MUDE, Servizio Qualità Edilizia - Comune di Ferrara; Marco Cenacchi, Responsabile Ufficio Progettazione presso ACER Ferrara, Progettista architettonico

    Ore 12:00 - PRESENTAZIONE DI ALCUNI CASI SFINGE

    La riabilitazione del tessuto produttivo rurale tra memoria e continuità

    Relatore: Moreno Pivetti, Libero Professionista

    Esempi di restauro su beni privati aziendali: Villa Cavazza di Bomporto, La Falconiera di Mirandola

    Relatore: Susanna Lodi, Consulente ERVET a supporto del Commissario Delegato

     

     

    Ore 11:00 – 12:00     

    Sala B, tra pad. 3 e 4

    Umidità: diagnosi e soluzioni

    Organizzato da PROSYSTEM

     

    Introduzione del problema e valutazione di entità e cause nella fase di diagnosi

    Presentazione delle soluzioni proposte: l'intervento di deumidificazione (Restauri Speciali srl) e la tecnologia ProSystem (Damp Protection)

     

    Prima indagine e diagnosi dell'umidità di risalita

    Relatore: Dott. Stefano Pigatto, Casa Asciutta - Archimede Group

    Validità dell'intervento di Deumidificazione: Presentazione del progetto EMERISDA

    Relatore: Geom. Mauro Pambianco, Restauri Speciali srl

    Soluzione con sistema ad onde elettromagnetiche: Pro System

    Relatore: Dott. ssa Monika Dubravcic e Direzione Damp Protection 

     

     

    Ore 11:00 – 12:00

    Sala C, tra pad. 5 e 6

    Investire nella costruzione del brand per migliorare le performance del museo

    Organizzato da SOLUZIONIMUSEALI-IMS SAS

    A cura di M. Cristina Vannini

    In collaborazione con Università IULM Milano, Engineering Ingegneria Informatica spa

     

    In termini di sostenibilità economica e impatto culturale più misurabile, i musei sono chiamati a coinvolgere i propri pubblici anche a livello emotivo ed empatico sviluppando nuove tecniche e pratiche su cui costruire la propria offerta. La proposta di soluzionimuseali-ims sas parte dall’analisi del “visitor journey” e del processo di visita per costruire un brand museale che contribuisca a migliorare le performance del museo.

     

    Introduzione: M. Cristina Vannini, Direttrice soluzionimuseali- ims

    Il Valore del Corporate Brand e della Comunicazione nei modelli di sviluppo museali

    Relatore: Annamaria Esposito, Dott.ssa Docente di Economia e Business Management, Università IULM, Milano

    Le fasi del processo di visita e il “visitor journey” per migliorare le performance museali

    Relatore: M. Cristina Vannini, Direttrice di soluzionimuseali-ims sas

    Case history: le applicazioni mobili per migliorare la reputation museale nelle pratiche di audience development. Il caso di SmartArtAccess

    Relatore: Luca Bevilacqua, Ing. Direzione Ricerca e Sviluppo Responsabile Tourism & Cultural Heritage R&D lab, Engineering Ingegneria Informatica spa

     

     

     

    Ore 12:15 – 13:15

    Sala B, tra pad. 3 e 4

    Ottimizzazione di procedure innovative per l'integrazione litica dei monumenti antichi: dal progetto alla verifica strutturale

    Organizzato da PIMAR (Giorgia e Giuseppe Marrocco) e POLITECNICO DI BARI (V. Santoro, S.Mallardi, B. Sciancalepore, F.Petruzzi, A.Fino)

     

    Interventi: V.Santoro; L. Del Core, Poliba

     

     

    Ore 12:15 – 13:15

    Sala C, tra pad. 5 e 6

    Nuove tecnologie al servizio della conservazione

    Organizzato da CIVITA – OPERA LABORATORI FIORENTINI

     

    Interventi:

    Impianto integrato per la pulitura degli arazzi

    Relatrice: Carla Molin Pradel

    Copie in materiali composti

    Relatrice: Laura Stiattesi

     

     

     

    Ore 13:30 – 15:00

    Spazio mostra pad.2

    Tecnologie digitali per il rilievo 2.0

    A cura di GEOMAX, LEICA GEOSYSTEMS, MICROGEO, NIKON METROLOGY
    Coordinamento scientifico: DIAPReM/TekneHub, Dipartimento di Architettura, Università di Ferrara

    Al fine di contribuire ad una più approfondita consapevolezza e comprensione del patrimonio culturale e delle sue diverse identità, le nuove tecnologie e i processi di digitalizzazione giocano un ruolo chiave poiché consentono nuove e arricchite interpretazioni attraverso il data capturing e la modellazione avanzata.

     

     

     

    Ore 14:00 – 15:00

    Sala A, tra pad. 3 e 4

    Incontri delle commissioni tematiche di ICOM Italia

    Organizzato da ICOM Italia

     

     

    Ore 14:00 – 15:00

    Sala C, tra pad. 5 e 6

    Chroma restaura il Patrimonio di Barcellona.

    25 anni di esperienza.

    Organizzato da CHROMA RESTAURACIÓ DEL PATRIMONI ARQUITECTÒNIC SL

    A cura di Cristina Thió, Valeria Muro

    In collaborazione con CRAC - GRETA - MONUMENTA

    Coordinamento scientifico: Júlia Gómez, Valeria Muro, Cristina Thió

     

    CHROMA, con i suoi 25 anni di esperienza nel settore, rappresenta un riferimento per le istituzioni pubbliche e private catalane. Si é vista protagonista negli interventi degli scavi archeologici di epoca romana nel cuore di Barcellona e ha conservato beni del patrimonio storico catalano, catalogato e anonimo, di tutte le epoche. Dal romanico al gotico medievale, a opere del barocco civile ed ecclesiastico, fino al Modernismo e al Art Decò. Amministrata da Cristina Thió, la ditta Chroma ha contribuito in maniera significativa alla valorizzazione del Patrimonio Culturale locale e mondiale (Beni UNESCO) attraverso il recupero dei materiali, le tecniche e i mestieri tradizionali dell'artigianato di pregio, assessorando istituzioni e formando professionali nel mondo dell'Arte.

     

    Introduzione: Valeria Muro, Restauratrice d’arte e relatrice

    Interventi: Valeria Muro,  Restauratrice d’arte e relatrice; Olivia Merelo, Restauratrice d’arte e relatrice; Cristina Thió, Direttrice di Chroma, restauratrice d’arte e relatrice

     

     

     

    Ore 14:00 15:00

    Sala B, tra pad. 3 e 4

    Restauro come cantiere di sperimentazione, conoscenza e tutela:

    dalla risarcitura al tensionamento autoregolatore di un dipinto su tela di grandi dimensioni

    Organizzato da IL PRATO PUBLISHING HOUSE
    In collaborazione con il Centro di Formazione Engim Veneto

     

     

     

     

    Ore 14:00 – 18:30

    Sala Castello, atrio I piano

    SISTEMA MUSEI
    Spazio, conservazione e prevenzione

    A cura di Antonio Paolucci, Direttore uscente dei Musei Vaticani e Letizia Caselli, Responsabile scientifico del progetto internazionale “La città dei musei. Le città della ricerca”

     

    Ore 14:00 15:30: Apertura lavori
    Introduzione: Antonio Paolucci e Letizia Caselli
    Coordina: Letizia Caselli, Responsabile scientifico del progetto internazionale “La città dei musei. Le città della ricerca”

    Il nuovo progetto museologico del Museo dell’Opera di Firenze

    Relatore: Timothy Verdon, Direttore del Museo dell’Opera di Firenze

    Ore 15:30 17:30: Il museo della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano. Il difficile rapporto tra missione conservativa e nuovo allestimento

    Relatore: Francesco Canali, Direttore dei Cantieri della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano

    Un modello di conservazione globale integrata. L’esperienza dei Musei Vaticani

    Relatore: Antonio Paolucci, Direttore uscente dei Musei Vaticani, Vittoria Cimino, Responsabile Ufficio del Conservatore dei Musei Vaticani
    Il monitoraggio ambientale del patrimonio culturale: Gli affreschi del Camposanto pisano

    Relatore: Paolo Mandrioli, Ricercatore senior; Paola De Nuntiis, Ricercatrice, Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima - CNR, Bologna
    Ore 17:30 – 18:30: Discussione, proposte e conclusioni aperte

    Coordina: Giorgio Bonsanti

     

     

     

     

     

    Ore 14:00 – 18:00

    Sala Diamanti, pad. 6

    Castelli e fortificazioni quali elementi identitari per il turismo e per l’economia del territorio. Sistemi di impresa, promozione, valorizzazione, allestimenti e restauri.”

    Organizzato da ISTITUTO ITALIANO DEI CASTELLI ONLUS

    A cura di ISTITUTO ITALIANO DEI CASTELLI SEZIONE EMILIA ROMAGNA

    In collaborazione con Ordine degli Architetti P.P.C. di Ferrara; Assessorato ai Beni Culturali e Musei della Provincia Autonoma Di Bolzano

    Fondazione Architetti di Ferrara

    Coordinamento scientifico: Istituto Italiano Dei Castelli Onlus

     

    L'incontro di quest'anno sarà dedicato a un confronto fra competenze maturate in un contesto particolarmente attivo quale quello della provincia autonoma di Bolzano. e altre in corso nelle regioni finitime anche per documentare la varietà e complessità della presenza di manufatti caratterizzanti i paesaggi e le molteplicità di casistiche via via in evoluzione e continua trasformazione dal Medioevo alla Grande Guerra.

     

    Introduzione: Fabio Pignatelli della Leonessa, Presidente Istituto Italiano dei Castelli; Florian Mussner, Assessore Beni Culturali e Musei della Provincia di Bolzano

    Moderatore: Giampiero Cuppini, Presidente Istituto Italiano dei Castelli sez. Emilia Romagna

    La rispettosa valorizzazione di tre poli d'attrazione di Bolzano: i castelli Roncolo, Mareccio e Rafenstein

    Relatore: Helmut Rizzolli, Presidente Fondazione Castelli di Bolzano

    La valorizzazione del patrimonio privato

    Relatore: Walter Landi, Südtiroler Burgeninstitut,

    Il castello di Coira

    Relatore: Mario Scalini, Direttore Polo Museale Emilia Romagna

    Le fortezze del Mincio un percorso culturale ed ambientale

    Relatore: Fiorenzo Meneghelli, Presidente IIDC Veneto

    I forti della grande guerra, Esempi di valorizzazione

    Relatore: Leonardo Malatesta, Dir. Ist. Internaz. di studi storico militari div. Pasubio

    Prospettive per la valorizzazione del castello di Canossa

    Relatore: Andrea Sardo, Dir. Museo di casa Romei

    La Sardegna ed i sistemi difensivi nella sua lunga storia

    Relatore: Michele Pintus, Presidente IIDC Sardegna

    Restauro di una fortificazione gonzaghesca della transizione a Redondesco (MN) come risorsa del territorio

    Relatore: Alessandro Bazzoffi, IIDC Lombardia

     

    Valenza formativa: la partecipazione riconosce 4 crediti formativi agli iscritti all’Ordine degli Architetti, previa registrazione obbligatoria sul sito:

    https://imateria.awn.it - CODICE IM@teria: ARFE03032017095645T03CFP00400

     

     

     

     

     

    Ore 14:00 – 15:00     

    Sala Sala Ermitage, pad. 5

    Caratterizzazione metallurgica di manufatti artistici in ghisa per arredo urbano tra ottocento e novecento

    Organizzato da Laboratorio TekneHub – Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni – Rete Alta Tecnologia della Regione Emilia-Romagna

    A cura di Chiara Soffritti, Laboratorio TekneHub/ Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara

    In collaborazione con: Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara; Centro di Studi sulla Corrosione e Metallurgia “A. Daccò”, Università di Ferrara; Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Ferrara; Fondazione Neri - Museo Italiano della Ghisa;

    Coordinamento scientifico: Gian Luca Garagnani, Laboratorio TekneHub/ Centro di Studi sulla Corrosione e Metallurgia “A. Daccò”, Università di Ferrara

     

    L’evoluzione nelle tecnologie di produzione dell’arredo urbano in ghisa evidenzia i progressi siderurgici occorsi negli ultimi secoli, ed è testimonianza artistica del gusto che muta con le epoche e dell’abilità nel realizzare il modello. La collaborazione con la Fondazione Neri – Museo Italiano della Ghisa ha permesso di identificare le principali caratteristiche metallurgiche di elementi di arredo urbano in ghisa e di individuare specifiche correlazioni temporali e/o geografiche.

     

    Introduzione: Gian Luca Garagnani, Laboratorio TekneHub/ Centro di Studi sulla Corrosione e Metallurgia “A. Daccò”, Università di Ferrara

    Caratterizzazione metallurgica di manufatti artistici in ghisa per arredo urbano tra ottocento e novecento

    Relatore: Chiara Soffritti, Assegnista di ricerca, Laboratorio TekneHub/ Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara

     

     

    Ore  14:00 – 16:00    

    Sala Ariostea, pad. 5

    Tecnologie per i musei del territorio e delle città. L’esperienza del Museo del Delta Antico di Comacchio e di altre realtà italiane.

    Coordinamento scientifico DIAPReM/TekneHub, Dipartimento di Architettura, Università di Ferrara

    In collaborazione con MAGGIOLI MUSEI, Media Partner

     

    La valorizzazione del patrimonio culturale richiede che le tecnologie contribuiscano non solo alla comunicazione e all’informazione ma anche a rendere i musei più accessibili, interattivi e rispondenti all’esigenze del pubblico. Una modalità per raggiungere questo obiettivo passa attraverso l’integrazione delle piattaforme e dei sistemi gestionali, l’utilizzo delle più evolute tecnologie di comunicazione e di web marketing, lo sfruttamento delle potenzialità legate alla realtà virtuale, nel rispetto della tradizione culturale italiana. Il convegno presenterà le esperienze sviluppate da Maggioli_Musei in alcune importanti realtà italiane e il caso studio del Museo del Delta Antico di Comacchio. Un museo che si inaugura proprio durante il XXIV Salone del Restauro_Musei di Ferrara è che ospitato nell'Antico Ospedale degli Infermi di Comacchio. All’interno di un contesto architettonico di grande pregio che si richiama al riformismo pontificio del Secondo Settecento, il museo valorizza il carico di un'imbarcazione commerciale di epoca augustea, rinvenuta nel 1981 a pochi chilometri dalla città, e i reperti provenienti dalla città etrusca di Spina e dall'antica Comacchio.

     

    Moderatore:

    Marcello Balzani, Responsabile Scientifico del TekneHub, Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna

     

    Il Museo del Delta Antico di Comacchio
    Relatori: Alice Carli, Assessore alla Cultura del Comune di Comacchio
    Roberto Cantagalli, Dirigente Cultura e Turismo del Comune di Comacchio
    Tecnologie per i musei del territorio e delle città

    Relatori: Mauro Villa, Maggioli Musei

    Filippo Fineschi, Maggioli Musei

     

     

     

    Ore  14:30 – 16:00    

    Sala D, tra pad. 5 e 6

    Artigianato artistico e Bookshop museali: un dialogo aperto

    Organizzato da CNA FERRARA – UNIONE ARTIGIANATO ARTISTICO E TRADIZIONALE

    A cura di CNA FERRARA

    In collaborazione con COMUNE di FERRARA

     

    Interventi: Dr. Davide Bellotti, Presidente Provinciale CNA Cultura; Dr. Massimo Maisto, Vicesindaco Comune di Ferrara; Direttori Musei del Comune di Ferrara

     

     

     

    Ore 14:30 – 15:30

    Stand BRIT, pad. 5

     

    BRIT TOUR

    Tappa1. Riuso degli immobili storici: scopri come farlo con BRIT

    Tappa 2. FoQus Napoli, un caso esemplare di rigenerazione urbana

     

    BRIT, nella prima tappa, presenta il suo innovativo format dedicato ai proprietari degli immobili storici per facilitare il RI-USO degli edifici privati di valore e la rigenerazione del loro contesto.

    Durante il Tour BRIT illustrerà la propria visione di ecosistema e il percorso di accompagnamento in tre fasi:

    1. esplorazione delle soluzioni disponibili nel mondo (crowdsourcing);
    2. esplorazione delle esigenze e strutturazione del progetto di valorizzazione (start up);
    3. avviamento e prototipazione del progetto (acceleratore).

    L’intero processo sarà illustrato attraverso un caso concreto di valorizzazione turistica e commerciale di una ghiacciaia del 1700.

    Nella seconda tappa BRIT ospiterà un caso esemplare di successo, già realizzato e operante: il caso FOQUS, un progetto di Rigenerazione Urbana nei quartieri spagnoli di Napoli.

    Saranno illustrate le strategie che hanno portato a superare queste sfide:

    - recuperare un edificio del Cinquecento di 10.000 mq nella parte più fragile della città;

    - sperimentare un modello di rigenerazione urbana che al tempo stesso restaura spazi e produce nuova occupazione, insediamenti di imprese, inclusione sociale e sviluppo, solo con risorse private;

    - trasformare un vuoto urbano in un motore produttivo e di servizi che sta cambiando una delle periferie più critiche d’Italia, nel centro storico di Napoli.

    Interventi

    i fondatori di BRIT – Federica Benatti, Giovanna Carpinello, Eva Provedel, Renzo Provedel, Michela Rossi

    Per iscriversi:

    http://bit.ly/EventiBRIT_SaloneRM

    Info e contatti:

    Federica Benatti           mob. 348.0327230

    Renzo Provedel            mob. 393.9838939

     

     

    Ore 15:00 – 16:30

    Spazio mostra pad.2

    INCEPTION | Optimized Data Acquisition Protocol
    Organization: DEPARTMENT OF ARCHITECTURE, UNIVERSITY OF FERRARA/ TEKNEHUB
    Scientific Coordination
    : Department of Architecture, University of Ferrara/ TekneHub
     

    One of the main challenges in the creation, management and use of digital models of cultural heritage concerns the dual need for high-quality 3D representations at an affordable cost, easily accessible and reusable. This is one of the main topic launched also by the European Commission within the program Horizon 2020. To meet this purpose, new technologies and digitization processes play a key role allowing new and enhanced interpretations of our collective cultural heritage. In this framework, the ongoing EU funded project INCEPTION – Inclusive Cultural Heritage in Europe through 3D semantic modelling proposes a workflow aimed at the achievements of efficient 3D digitization methods, solving the issue of the large amount of captured data and time-consuming processes in the production of 3D digital models by means of an Optimized Data Acquisition Protocol.

     

    Chairman: Federica Maietti, Department of Architecture, University of Ferrara - INCEPTION Technical Coordinator

    Speakers: Marco Medici, Department of Architecture, University of Ferrara; Federico Ferrari, Department of Architecture, University of Ferrara; Daniel Blersch, Zoller + Fröhlich GmbH

     

     

     

    Ore 15:00 – 16:00

    Sala Romei, pad. 6

    ADI e Compasso d'Oro: la storia del design italiano attraverso una associazione, un premio, una collezione (e la sua conservazione)

    Organizzato da ADI ASSOCIAZIONE DISEGNO INDUSTRIALE

    Relatore: Carlo Branzaglia, Presidente ADI Delegazione Emilia Romagna

     

     

    Ore 15:15 16:15

    Sala C, tra pad. 5 e 6

    Gestione dei siti UNESCO in Emilia-Romagna: l'esperienza di Ferrara, Modena e Ravenna

    Organizzato da Comitato Giovani della Commissione Nazionale UNESCO

     

    Interventi:

    Arch. Roberta Fusari, Assessore urbanistica, edilizia, rigenerazione urbana, Unesco del Comune di Ferrara

    Dott.ssa Francesca Piccinini, Direttrice Musei Civici Coordinatrice Sito Unesco Modena

    Dott.ssa Elsa Signorino, Assessore con delega a cultura del Comune di Ravenna

    Moderatrice: Arch. Raffaella Zanotti, socio Comitato Giovani della Commissione Nazionale UNESCO

     

     

    Ore 15:15 16:15

    Sala B, tra pad. 3 e 4

    Tracce della guerra alpina. Tra i ghiacci dell’Ortles e dell’Adamello.

    Organizzato da IL PRATO PUBLISHING HOUSE

     

    Un catalogo fotografico sul materiale bellico della Prima Guerra Mondiale emerso dal ritiro dei ghiacciai nei gruppi del’Ortles e dell’Adamello, luoghi della “guerra bianca”.

    Viene illustrato il grande patrimonio di testimonianze emerso dai ghiacci e si sottolineano le problematiche del recupero e della loro conservazione.

     

    Interventi: Bepi Magrin, autore del libro; Mauro Novello, autore del libro

     

     

     

     

     

    Ore 16:30 18:00

    Sala B, tra pad. 3 e 4

    Giardino OPS! Anteprima. Un laboratorio, un convegno un evento per riflettere sul restauro dei giardini storici

    Organizzato da Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

    In collaborazione con DIAPReM, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara TekneHub, Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia E-R