ECONOMIA, CONSERVAZIONE, TECNOLOGIE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI

NEWS

torna indietro

PREVIEW RESTAURO 2014

05 dicembre 13

MARTEDÍ 17 DICEMBRE
ORE 10.00
PALAZZO TASSONI ESTENSE
SEDE DEL DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA DI FERRARA
VIA DELLA GHIARA 36

 

TAVOLA ROTONDA
Il progetto contemporaneo nel contesto storico
IL PATRIMONIO EDILIZIO TRA RESTAURO E RECUPERO:
UNA QUESTIONE DI VALORI DEI TESSUTI URBANI E DEL TERRITORIO.
LA "COMUNITA' DEI COMUNI"

 

La XX edizione del Salone del Restauro di Ferrara conclusasi lo scorso 23 marzo ha avuto come tema
principale, e non poteva essere altrimenti, lo stato e le problematiche dei beni culturali colpiti dal
sisma in Emilia lo scorso maggio.
Diversi Comuni del cosidetto “cratere del sisma” hanno partecipato con uno spazio espositivo e con la
realizzazione di importanti convegni suscitando particolare interesse di pubblico. La loro presenza in
fiera è stata importante per fare il punto sullo stato delle cose a distanza di quasi un anno dal tragico
evento; dopo la fase iniziale dell’emergenza, della messa in sicurezza e della stima dei danni si è
aperta ora una seconda fase, quella riguardante la ripresa, con la progettazione di interventi su
strutture educative, sostegni alle attività produttive, ai servizi sanitari, alle emergenze sociali e anche
al restauro del patrimonio culturale.
In particolare il tema del restauro e della ricostruzione dei beni culturali colpiti dal sisma si sviluppa
non solo sul piano strettamente tecnico ed architettonico ma anche su quello culturale e sociale.
E’ infatti un fenomeno accertato il disorientamento delle popolazioni che hanno visto violati nella loro
integrità o addirittura spariti i propri abituali punti di riferimento architettonici (chiese, campanili,
torri): gli edifici vivono in relazione con il più esteso contesto urbano, a cui le comunità attribuiscono
profondi significati.

Ed è qui che ci si inoltra nel difficile percorso della ricostruzione, da qui la delicatezza, il rigore e la
massima attenzione nell’affrontare le tematiche del recupero e del restauro, obiettivo che sarà
primario nella XXI edizione del Salone del Restauro di Ferrara, in programma dal 26 al 29 marzo
2014.
In un convegno di anticipazione degli eventi e argomenti che verranno trattati a Restauro, la
Piattaforma Costruzioni della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna, la Direzione Regionale del MIBAC
e il Dipartimento di Architettura di Ferrara dibatteranno sull’importanza della diffusione di una
cultura del restauro, che dal punto di vista architettonico sia in grado di attualizzare il bene culturale
danneggiato dando ad esso nuovi significati vitali sia per l’edificio stesso sia per l’intero contesto
urbano e sociale in cui è inserito. Nel caso specifico dei comuni colpiti dal sisma 2012 può risultare a
tal fine estremamente utile il loro proporsi in una “Comunità dei Comuni”, che generi una
comunanza di saperi conoscitivi, gestionali, tecnologici ed operativi, di metodologie di analisi e
ricerca tipologica, architettonica e paesaggistica.
Quanto discusso vedrà ovviamente il suo naturale e concreto sviluppo con numerosi approfondimenti
durante le quattro giornate del Salone del Restauro 2014, all’interno di un padiglione dedicato
interamente al post-terremoto
Introduce e modera: Prof. Marcello Balzani, Responsabile scientifico del TekneHub, Tecnopolo
Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna
Intervengono: Carlo Amadori, Capo progetto Salone del Restauro di Ferrara, Arch. Carla Di Francesco,
Direttore regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna – MIBAC, Prof. Riccardo
Dalla Negra, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara ed un Rappresentante della
Regione Emilia-Romagna.
Sono stati inoltre invitati a dare il loro contributo i Sindaci e gli Assessori di competenza di tutti e 55
Comuni cosiddetti del “cratere del sisma”