Fair of the conservation, technology and promotion of cultural and environmental heritage - 18-20 SEPTEMBER 2019
PROJECT "MADE IN ITALY RESTORING" SUPPORTED BY THE MINISTRY FOR ECONOMIC DEVELOPMENT AND THE ITALIAN TRADE AGENCY, WITH THE PARTNERSHIP OF ASSORESTAURO

PROGRAM

go back

Edition 2019

Thursday 21 march
  • Thursday 21 March
     
     
     
    IL RESTAURO DELLA FACCIATA LAPIDEA DELLA CHIESA DI SAN PETRONIO A BOLOGNA E L’AVVIO DI UNA NUOVA METODOLOGIA DI PULITURA
    ORE 9.30 - 13.30 SALA MARFISA, PRIMO PIANO, ATRIO
    Promosso da Opificio delle Pietre Dure, Settore di restauro dei Materiali lapidei
    Relatori: Mons. Oreste Leonardi (Primicerio della Basilica di San Petronio), Marco Ciatti (Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure), Maria Cristina Improta (Direttore dei Lavori per l’Opificio delle Pietre Dure), Paola Lorenzi, Franca Sorella (Restauratrici dell’Opificio delle Pietre Dure), Carlo Lalli (Responsabile del Laboratorio Scientifico dell’Opificio delle Pietre Dure), Roberto Terra (Architetto, Direzione dei Lavori per la Basilica di San Petronio), Maurizio Coladonato (Laboratorio di Chimica, Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro), Marta Gomez, Stefano Landi, Alfiero Rabbolini e Marilena Anzani (restauratori esterni)
     
     
    TRA MURA SICURE. OLTRE LE VERIFICHE: VULNERABILITÀ DEI BENI CULTURALI
    ORE 9.30 - 15.30 SALA MASSARI, PAD.  4
    Promosso da: Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo in collaborazione con la Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, l’Architettura e l’Arte Contemporanee 
    Sessione Istituzionale
    Maddalena Ragni (Direttore generale PABAAC); Fabrizio Magani (Direttore Regionale B.C.P. Abruzzo); Ettore Pietrabissa (Direttore Generale ARCUS)
    Introduzione
    Laura Moro (Direttore ICCD)
    Interventi
    Paolo Boncio (Università di Chieti-Pescara)
    “Un percorso metodologico per la definizione della risposta sismica locale in aree geologicamente complesse. Esempi dal Progetto sisma Abruzzo
    Sergio Lagomarsino (Università di Genova)
    “Esemplificazione applicativa della procedura LV3: il caso della Badia Morronese di Sulmona e dell’Abbazia di San Clemente a Casauria”
    Dante Galeota  (Università dell’Aquila)
    “L’impegno dell’Ateneo dell’Aquila nella ricostruzione degli edifici storici: dal centro storico del capoluogo ai monumenti della Regione Abruzzo”
    Michele Candela (Università di Reggio Calabria)
    "La caratterizzazione meccanica delle murature storiche: utilizzo (ricadute) degli esiti dell'attività sperimentale nell'ambito del Progetto sisma Abruzzo"
    Claudio Modena (Università di Padova)
    “Conservazione e verifica della vulnerabilità sismica degli edifici storici in muratura ed in c.a.: affinità e differenze”
    Antonio Borri (Università di Perugia)
    “Applicazione/interpretazione delle Linee Guida: l’esperienza del Progetto CIPE Abruzzo”
    Intervento Segreteria Tecnica
    "L'esperienza del Progetto Sisma Abruzzo: modalità operative, formazione, sviluppi in corso (Progetto ARCUS)
    Tavola Rotonda
    Modera  Giorgio Croci
    Partecipano
    Giandomenico Cifani; Gaetano Manfredi; Laura Moro; Stefano Podestà
    Conclusioni
    Roberto Cecchi (Sottosegretario MiBAC)
     
     
    BENI MOBILI E TERREMOTO
    ORE 10.00 – 13.00, SALA SCHIFANOIA, PAD. 2
    Organizzato da: MiBAC - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro, Opificio delle Pietre Dure, Soprintendenza Per I Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le Province di Modena e Reggio Emilia, Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo.
    Introduce: Carla Di Francesco (Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna)
    Relatori: Gisella Capponi (Direttore Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro), Marco Ciatti ( Soprintendente Opificio delle Pietre Dure), Stefano Casciu (Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le province di Modena e Reggio Emilia), Lucia Arbace  (Soprintendente per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell’Abruzzo), Paolo Buonora (Archivio di Stato de L’Aquila), Maria Rita Copersino, Giovanni Cialone (Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo, ITC - Cagliari Napoli Roma L'Aquila)
     
     
    ENEA per la sicurezza sismica del patrimonio storico-architettonico.
    Studi, interventi, risultati
    Ore 10.00, sala A, primo piano, fra pad. 3 e 4
    Promosso da Enea, Agenzia Nazionale per lo sviluppo delle nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.
    Apre i lavori e presiede: Stella Styliani Fanou (ENEA)
    Relatori: Fernando Ferioli (Sindaco di Finale Emilia); Bruno Carpani (ENEA): Patrimonio architettonico e rischio sismico: le problematiche emerse con il sisma della pianura Padano-Emiliana;
    Giuseppe Maino (ENEA): Restauro virtuale e anastilosi informatica a sostegno della ricostruzione post-sisma;
    Daniel Nieto Yàbar (Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale): Approccio multidisciplinare geofisico-geochimico per la valutazione dei danni in area sismica;
    Elena Candigliota (ENEA):Telerilevamento da droni per la salvaguardia del patrimonio storico-architettonico: conoscenza, monitoraggio ed emergenza;
    Anna Marzo (ENEA): Interventi di messa in sicurezza del patrimonio storico-artistico: la chiesa e  il campanile della Visitazione di Maria Santissima a Reno Finalese; +
    Sergio Petronilli (ENEA), Daniela Picchi (Museo Archeologico di Bologna): Enea e Museo Archeologico di Bologna: Saqqara in copia - il progetto del Faraone Horemheb;
    Marialuisa Mongelli (ENEA): Laboratorio virtuale DySco per la sperimentazione condivisa su macro elementi strutturali del patrimonio artistico;
    Michele Caponero (ENEA):Impiego di sensori in fibra ottica per monitoraggi strutturali;
    Gerardo De Canio (ENEA): Effetti dell'accelerazione di Coriolis nella stabilizzazione delle oscillazioni dell'Obelisco Lateranense
     
     
    LA STATUA BRONZEA DI SAN MICHELE ARCANGELO DELLA FACCIATA DEL DUOMO DI ORVIETO E LA PALA DI PACIANO DI LUCA SIGNORELLI. IL RESTAURO TRA DIDATTICA E FRUIBILITÀ: DUE CASI EMBLEMATICI
    ORE 10.30 - 12.00  SALA C, PRIMO PIANO, FRA PAD. 5 E 6 
    Promosso da: Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell'Umbria in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria e l'Opera del Duomo di Orvieto
    Relatori:  Fabio De Chirico (Soprintendente per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell'Umbria), Anna Di Bene (Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria), Alessandra Cannistrà (Curatore del MODO - Museo dell'Opera del Duomo di Orvieto), Gerardo De Canio (ENEA, responsabile laboratorio Qualificazione di Materiali e Componenti del C.R. Casaccia), Gisella Capponi (Direttore Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro), Giovanni Luca Delogu (Soprintendenza BSAE dell’Umbria), Federica Zalabra (Soprintendenza BSAE dell’Umbria), Stefano Ridolfi (ditta Ars Mensurae), Bruno Bruni (ditta Coo.Be.C.)
     
     
    GUERRE, TERREMOTI, ALLUVIONI E ALTRE CALAMITÀ: IL PATRIMONIO E L’EMERGENZA
    ORE 10.30 - 18.30 SALA BELRIGUARDO, PAD. 5
    Promosso da  Soprintendenza per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Firenze Pistoia e Prato
    Relatori: Alessandra Marino (Soprintendente per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Firenze Pistoia e Prato).
    Seguono gli interventi dei funzionari architetti, storici dell’arte e restauratori della Soprintendenza, a documentare le varie situazioni affrontate dall’Ufficio nel corso del tempo sia nelle città capoluogo di provincia (Firenze, Pistoia e Prato) sia sul territorio (aree del Mugello, del Casentino, del Valdarno, del Chianti e della Valdelsa)
     
    IL PROGETTO DI RESTAURO CONSAPEVOLE
    Presentazione dei progetti vincitori della terza edizione del Premio Internazionale di Restauro Architettonico “Domus Restauro e Conservazione Fassa Bortolo”
    ORE 11.00 – 13.00, SALA DIAMANTI, PAD.6 E MOSTRA AL PAD.5
    Coordinamento scientifico: LaboRA Laboratorio di Restauro Architettonico, Centro DIAPReM, Laboratorio ArcDes, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara, afferenti al TekneHub, laboratorio in rete del Tecnopolo di Ferrara Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna
    Promosso da: Università di Ferrara, Dipartimento di Architettura, Fassa Bortolo
    Patrocinio:  Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori di Ferrara
    Federazione Ordini Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori dell’Emilia Romagna
    Saranno presenti i membri della Giuria:
    Giovanni Carbonara (Presidente, Ordinario di Restauro Architettonico e Direttore della “Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio”, Università Sapienza di Roma, Facoltà di  Architettura “Valle Giulia”), Beatriz Mugayar (Professore Associato, Università di São Paulo), Laura Moro (Responsabile dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, all'interno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - MIBAC), Riccardo Dalla Negra (Ordinario di Restauro Architettonico, Facoltà di Architettura dell’Università di Ferrara e Direttore di LaboRA Laboratorio di Restauro Architettonico), Marcello Balzani, Segretario del Premio, Direttore del DIAPReM del Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, Responsabile Scientifico del TekneHub, Laboratorio in rete del Tecnopolo dell’Università di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna
    Intervengono tutti i vincitori e i menzionati del Premio 
     
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI TUTELA ARCHEOLOGICA “MEMORIA E TERREMOTO: IL CASO DELLA SCUOLA DI PILASTRI DI BONDENO (FE)”
    Ore 11.00 - 12.30 Sala Ermitage, pad. 5
    Conferenza promossa da : Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna
    Relatori:  Valentino Nizzo (funzionario Archeologo, responsabile per la didattica per le provincie di Ferrara e Ravenna - Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna), Alan Fabbri (Sindaco del Comune di Bondeno)
    Sono previsti anche interventi dei responsabili del plesso scolastico di Pilastri di Bondeno e di una rappresentanza degli alunni della locale Scuola primaria.
     
     
     
    ARCHITETTI E ARCHITETTURE ITALIANE IN ARGENTINA
    CONSERVAZIONE DEI MATERIALI E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO DEL NOVECENTO
    ORE 13.30– 16.00, SALA ERMITAGE, PAD. 5
    Coordinamento UNIFE, con la collaborazione di UNIURB, UNICAM, UNIPV, UNICAL, e Scuola Studi Superiori in Patrimonio Culturale del CUIA
    a cura di: Laboratorio TekneHub del Tecnopolo dell’Università di Ferrara - Rete Alta Tecnologia della Regione Emilia-Romagna
    Con la collaborazione di Scuola di Studi Superiori in Patrimonio Culturale del CUIA (UNIFE)
    Introduce: Rita Fabbri 
    Relatori: Raimondo Cagiano de Azevedo (Direttore del Consorzio interUniversitario Italiano per l’Argentina): Il ruolo del CUIA nella promozione di ricerca e didattica avanzata sul ruolo dei temi patrimoniali in Argentina; Gianfranco Franz (Scuola Studi Superiore in Patrimonio Culturale del  CUIA):
    Esperienze in America Latina: urbanistica, architettura, valorizzazione del patrimonio; Gastone Ave, Emanuela De Menna (Università degli Studi di Ferrara): Architettura e urbanistica di origine italiana in Argentina; Mario Docci, Emanuela Chiavoni (Università “La Sapienza” di Roma): Presenza italiana in Argentina. Valorizzazione e diffusione interattiva del patrimonio architettonico; Fabrizio Ivan Apollonio, Alessandro Massarente (Università degli Studi di Bologna, Università degli Studi di Ferrara): Il contributo italiano allo sviluppo culturale in Argentina. Nuove metodologie per la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio; Alberto Renzulli, Patrizia Santi, Maria Pia Riccardi, Donatella Barca, Eleonora Paris (Università degli Studi di Urbino, Università degli Studi di Pavia, Università degli Studi della Calabria, Università degli Studi di Camerino): Materiali italiani nelle architetture argentine. Primi risultati delle indagini archeometriche e strutturazione di una banca dati; Marco Zuppiroli ITABC-CNR, Alberto Verde, Luca Rocchi (Università degli Studi di Ferrara): Problematiche conservative e di rifunzionalizzazione del patrimonio del Novecento: il caso di Cordoba, nelle architetture di Ubaldo Emiliani e Augusto Cesare Ferrari; Claudio Maiolino (Pontificia Universídade Católica do Paraná - Curitiba.): Il restauro in America Latina: la filiera del restauro in Brasile
     
     
    DOV’ERA, MA NON COM’ERA: IL RUOLO CENTRALE DEL RESTAURO NELLA RICOSTRUZIONE POST-SISMICA
    Sessione Seconda: L’edilizia storica aggregata
    ORE 14.30 – 18.00, SALA SCHIFANOIA, PAD. 2
    Promosso da: Università degli Studi di Ferrara, Dipartimento di Architettura - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna
    Presiede e introduce: Riccardo Dalla Negra  (LaboRA - Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Ferrara)
    Relatori: Maurizio Boriani (Politecnico di Milano); Claudio Varagnoli (Università degli Studi di Chieti); Caterina Carocci (Università degli Studi di Catania); Sergio Lagomarsino (Università degli Studi di Genova); Elisabetta Dotti (Comune di Concordia sulla Secchia), Marco Zuppiroli (CNR); Roberto Gabrielli (Regione Emilia Romagna)

     

     
     
    METODI INNOVATIVI PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO SISMICO
    ORE  14.00 -17.30, SALA MARFISA, PRIMO PIANO, ATRIO
    Organizzato da MAPEI
     
     
    LA TRIBUNA DEGLI UFFIZI. STORIA, CONTESTI, RESTAURO
    ORE 15.30  - 18.30 SALA MASSARI, PAD. 4, PIANO TERRA
    Promosso da  Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze
    Relatori:  Antonio Natali: Il cielo di conchiglie; Antonio Godoli: Brani d’architettura; Laura Lucioli: Le superfici decorate; Fabrizio Paolucci: I colori della Venere dei Medici; Francesca de Luca: L’officina decorativa; Valentina Conticelli: La ‘spelonca’ di Francesco; Cristina Acidini: Pensieri conclusivi.
     
     
     
    CONSERVAZIONE, GESTIONE E VALORIZZAZIONE DELL’ARCHITETTURA DEL NOVECENTO E IL RAPPORTO CON I GRANDI MAESTRI: OSCAR NIEMEYER E LE CORBUSIER
    ORE 15.30 – 18.30, SALA DIAMANTI, PAD. 6
    Coordinamento scientifico: Marcello Balzani (Responsabile Scientifico DIAPReM/TekneHub, Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, Tecnopolo di Ferrara, Piattaforma Costruzioni, Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna); Denise Araujo Azevedo (Architetto, Dottore di Ricerca in Tecnologia dell’Architettura, Centro DIAPReM, Dipartimento di Architettura, Università di Ferrara
    Heritage Conservation Sustainability).
    Sono stati invitati: Ciro Pirondi (Direttore dell’Escola da Cidade di San Paolo di Brasile e membro della “Fondazione Niemeyer”); Giuliano Gresleri (già membro del Consiglio di Presidenza della "Fondazione Le Corbusier" di Parigi); Abhinava Shukla (Segretario Generale dell'Ahmedabad Textile Mills Association, The MillOwner's Building, progettato da Le Corbusier in Ahmedabad, Gujarat, India)
     
     
    ARCHITETTURE DEL NOVECENTO
    CULTURE DEL PROGETTO, PATOLOGIE DEL DEGRADO, METODOLOGIE DEL RESTAURO
    ORE 16.00 – 18.30, SALA ERMITAGE, PAD. 5
    Organizzato da: TekneHub Università di Ferrara (Area 1- Metodi e Tecnologie del Restauro architettonico e Area 2- Strumenti, materiali e tecniche per la museografia e l’exhibition design) 
    Partner tecnico: ARD f.lli Raccanello Industria vernici e smalti, Padova
    Relatori: Rita Fabbri, Alessandro Massarente (Università degli Studi di Ferrara): Esperienze di ricerca per l’Architettura del Novecento svolte nell’università di Ferrara; Carolina Di Biase (Politecnico di Milano):
    Architettura del XX secolo: metodologie di ricerca e restauro; Andrea Canziani (Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria, Do.Co.Mo.Mo.): Casi e best practices internazionali per il restauro del patrimonio del XX secolo; Ulisse Tramonti (Università degli Studi di Firenze – Comune di Forlì), Patrick Leech (Assessore alla Cultura e politiche Europee del Comune di Forlì): ATRIUM: un progetto europeo per la qualificazione e la valorizzazione dell'architettura del Novecento; Davide Longhi (Università IUAV di Venezia): Documentazione del patrimonio del Novecento: il caso della Regione del Veneto; Carlotta Grillone (Comune di Ferrara): Aspetti normativi per la tutela del patrimonio del XX secolo nella programmazione urbanistica
     
     

    IL RESTAURO DELLA CANTORIA DELLA SCUOLA GRANDE DI SAN ROCCO IN VENEZIA, OPERA DEGLI ARTIGIANI DI APPIO SERVIZI
    ore 16.30 - 18.30, sala Marfisa, primo piano, atrio
    Coordinamento: Luca Bezzetto

     

    MATERIALI COMPOSITI APPROPRIATI PER LA PROTEZIONE ANTISISMICA
    ORE 17.00 - 18.30, SALA CASTELLO, PRIMO PIANO, ATRIO
    Promosso da: AICO Associazione Italiana Compositi

     
     
    AGGIORNATO AL 18/03