ECONOMIA, CONSERVAZIONE, TECNOLOGIE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI - 18-20 SETTEMBRE 2019
progetto "RESTAURO MADE IN ITALY" promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e Ice, con la partnership di Assorestauro

PROGRAMMA

torna indietro

Edizione 2019

ANMLI - Musei & Musei. Verso il sistema museale nazionale?
  • ANMLI - Musei & Musei. Verso il sistema museale nazionale?

    Musei & Musei. Verso il sistema museale nazionale?

     

    Anche quest’anno l’ANMLI partecipa al Salone del Restauro/Musei di Ferrara con il seminario Musei & Musei. Verso il sistema museale nazionale?

     

    Le riforme del Ministro Franceschini, hanno valorizzato i musei, conferendo l’autonomia a 20 musei statali di particolare rilievo (che diventeranno 30) e nominando i direttori responsabili in esito ad una selezione internazionale. Sono stati creati per i restanti musei statali i Poli Museali Regionali, che coordinano il servizio pubblico di fruizione e di valorizzazione sul territorio, avendo la possibilità di creare il sistema museale nazionale, con accordi con gli altri enti e le organizzazioni non statali.

     

    Che riflessi può avere la riforma sui musei appartenenti agli Enti Locali, che sono la maggioranza dei musei italiani? Come potrà essere organizzato il sistema museale nazionale? Quali sinergie si potranno attivare per il territorio? Quali benefici e quali criticità ci possono essere per i musei degli enti locali?

     

    Programma

    venerdì 8 aprile 2016 h 10:00

    Introduzione e presidenza Anna Maria Montaldo, Presidente ANMLI

    Giuliano Volpe, Presidente Consiglio Superiore del MiBACT

    Fabio Donato, Presidente Comitato tecnico Scientifico Musei del MiBACT

    Ugo Soragni, Direttore generale Musei del MiBACT

    Mario Scalini, direttore del Polo museale Emilia – Romagna

    Anna Maria Visser, ANMLI, Comitato tecnico scientifico Belle Arti del MiBACT

    Massimo Mezzetti, Assessore alla Cultura della Regione Emilia- Romagna

    Massimo Maisto, Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Ferrara

    Franco Marzatico, ANMLI, Sovrintendente Beni Culturali della Provincia di Trento

    Laura Carlini, Direttrice Istituzione Bologna Musei

    Paola Marini, ANMLI, Direttrice delle Gallerie dell’Accademia di Venezia

    Enrica Pagella, ANMLI, Direttrice del Polo Reale di Torino

    Conclusioni del Ministro, Dario Franceschini (invitato)

     

    Che cos’è l’ANMLI?

    L’ANMLI – Associazione Nazionale dei Musei Locali e Istituzionali – è la più antica associazione museale italiana, fondata nel 1950 per promuovere la tutela dei musei e del patrimonio culturale di proprietà e di pertinenza degli Enti Locali e Istituzionali, per promuovere l’incremento delle raccolte, la ricerca scientifica e le attività culturali, e per valorizzare le funzioni e le professionalità del personale museale. I temi fondamentali dell’autonomia dei musei e del sostegno alle professionalità museali hanno ispirato le azioni dell’Associazione dalla fondazione ad oggi. L’Associazione cerca di sostenere gli orientamenti e le proposte dei musei e del personale museale e di rappresentarne le esigenze offrendo anche un primo servizio di consulenza sulle problematiche più importanti. Gli associati, attraverso l’ANMLI, possono diffondere informazioni, scambiarsi documentazione, discutere e interagire per costruire una comunità museale aggiornata e consapevole.

     

    Negli ultimi anni l'ANMLI ha favorito la convergenza delle principali associazioni museali italiane su obiettivi comuni e condivisi ed ha sottoscritto l'accordo istitutivo della Conferenza permanente delle associazioni museali italiane. In tale spirito ha partecipato attivamente alla preparazione e alla stesura di importanti documenti normativi come gli Standard per i musei italiani e la Carta nazionale delle professioni museali ed è attiva nel dibattito sull’opportunità di costituire un’Associazione delle professioni museali secondo quanto disposto dalla legge n. 4 del 2013 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”.

     

    I Convegli nazionali

    L’ANMLI è una rete di musei locali e di operatori museali, che sono continuamente in relazione fra loro e che promuovono un dibattito efficace sui temi di comune interesse, attraverso l’attività formativa, la promozione di seminari e di confronti pubblici con i soggetti istituzionali e con la società civile. I convegni nazionali, organizzati nel corso degli anni, sono un momento importantissimo del dibattito e del confronto e la pubblicazione degli atti diventa uno strumento di riflessione, anche a distanza di tempo, di tematiche cruciali per la comunità museale. Tra le più recenti pubblicazioni ricordiamo quella relativa al XXVIII convegno nazionale dell’ANMLI, “Musei e turismo: dialogo fra turismo e cultura”, tenutosi al Castello del Buonconsiglio di Trento nel settembre del 2009 e quella relativa al XXIX convegno nazionale “Il Museo nelle città italiane. Il cambiamento del ruolo sociale del museo nei centri urbani”, tenutosi a Ferrara ad aprile del 2012. Confrontarci, a distanza di tempo, con quanto detto dai soggetti istituzionali, dal mondo dell’economia e della cultura, arricchisce il dibattito odierno dell’Associazione, volto alla individuazione di nuove forme e opportunità di gestione e di rigenerazione dei musei locali. E’ in questa ottica che l’Associazione sta organizzando il prossimo Convegno Nazionale, che si terrà a Cagliari entro il 2016. Il XXXI Convegno Nazionale dell'ANMLI tratterà  il tema dell’innovazione nei musei, come strumento indispensabile dello sviluppo, alla luce della recente riforma dei Musei, LEGGE 29 luglio 2014, n. 106, nella convinzione che tutte le esperienze innovative ed eccellenti del nostro Paese possano diventare un volano di crescita per tutti, se comunicate e messe a sistema.

     

    La prima fase del progetto vedrà l'ANMLI impegnato a coinvolgere tutti i musei italiani, invitati a trasmettere un'esperienza che si caratterizzi per innovazione e sostenibilità. Nella fase successiva, il comitato scientifico sarà impegnato nella valutazione delle proposte, per scegliere le sei più interessanti che saranno presentate nella fase finale, durante il XXXI Convegno Nazionale dell'Associazione.

     

    Partendo dai casi e dalle esperienze nazionali presentate in occasione del convegno, il progetto intende provare a riscrivere e rinnovare i sistemi gestionali dei musei con l'individuazione di quelle buone pratiche, Best pratices, che, opportunamente formalizzate, possono davvero essere seguite e ripetute, garantendo l'ottenimento dei migliori risultati.

     

    Museo civico. Tradizione e innovazione

    Tra i progetti di maggior interesse portati avanti negli ultimi anni dall’Associazione spicca “Museo civico. Tradizione e innovazione”.

     

    Il museo civico, un istituto con caratteristiche peculiari, ha infatti subito cambiamenti profondi che lo hanno trasformato. L’obiettivo del progetto è quello di riflettere sulla storia del museo civico per ridefinirne la “missione” e per orientarne lo sviluppo nel contesto storico, sociale e culturale che stiamo vivendo. A tal fine sono state organizzate giornate di studio in varie regioni italiane: Padova, 26 maggio 2008, “I musei civici del Veneto, dalla tradizione verso una nuova identità”; Parma, 16 gennaio 2009, “I musei civici dell’Emilia occidentale, fra tradizione e innovazione”; Prato, 6 febbraio 2009, “I musei civici in Toscana, dalla tradizione alle nuove identità”; Napoli, 12 marzo 2010, “Crisi di vocazione? I grandi musei locali della Campania e le trasformazioni del ruolo del museo; Bari, 1 ottobre 2010, “I musei di enti locali in Puglia. Storia e identità”; Forlì, 7 febbraio 2014, “I Musei civici della Romagna. Identità in crisi o crisi di identità? ”. In questa ultima occasione, le relazioni hanno trattato, da prospettive differenti, il tema dell'immersione e del radicamento dei musei nel territorio e hanno sottolineato l'importanza imprescindibile della ridefinizione della mission dei musei tradizionali che si trovano ad operare in un contesto culturale, sociale ed economico notevolmente mutato rispetto al passato. Il progetto ha dato grande importanza alla pubblicazione degli atti dei convegni regionali che si sono succeduti con regolarità fino alla più recente, relativa al convegno regionale che si è tenuto a Parma nel 2009 "Muse civico. Tradizione e innovazione",  dedicato ai musei dell'Emilia occidentale, un giusto e doveroso omaggio alla memoria del caro collega Francesco Barocelli, per il suo impegno, per la sua competenza e per la straordinaria abnegazione con la quale si è dedicato, tutta la vita, alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio artistico.

     

    L’elenco e le schede relativi alle pubblicazioni degli atti sono consultabili sul sito dell’Associazione www.anmli.it

     

    Collaborazioni e parternariati

    Numerose e rilevanti le collaborazioni che l’ANMLI ha stretto e consolidato negli ultimi anni. Importantissima quella con l’Università di Ferrara che si è recentemente rinnovata con una convenzione di ricerca con la quale l’Associazione sostiene l’indagine sulla gestione dei depositi museali e sulla movimentazione dei beni culturali. Nell’ambito della collaborazione con l’Università di Ferrara va ricordato il MuSeC, Il Master in Cultural Management, MuSeC, è organizzato dal Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Ferrara, in collaborazione con l’ANMLI ed ENCATC (European Network on Cultural Management and Cultural Policy Education), giunto quest’anno alla sua undicesima edizione. Di grande rilievo per l’Associazione il recente successo del progetto "INCEPTION - Inclusive Cultural Heritage in Europe through 3D semantic modelling", coordinato dal Dipartimento di Architettura di Ferrara e candidato alla call Horizon 2020 "Reflective Societies: Cultural Heritage and European Identities". Il progetto, sostenuto dall’ANMLI, è stato finanziato dalla Commissione Europea, classificandosi primo tra 87 proposte.