ECONOMIA, CONSERVAZIONE, TECNOLOGIE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI - 18-20 SETTEMBRE 2019
progetto "RESTAURO MADE IN ITALY" promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e Ice, con la partnership di Assorestauro

NEWS

torna indietro

COMUNICATO 9 MAGGIO 2015

08 maggio 15

Ultimo giorno di Restauro 2015. Un’edizione all’insegna della valorizzazione del patrimonio italiano e internazionale.

 

 

Comunicato stampa sabato 9 maggio

 

Anche questa XXII edizione del Salone del Restauro di Ferrara volge al termine, con il consueto impegno da parte degli organizzatori, per fornire un’offerta culturale il più aggiornata e plurale possibile, e l’entusiastica adesione di addetti e grande pubblico, sempre stimolati da nuovi convegni, seminari, workshop e presentazioni di casi eccellenti e best practice, in ambito italiano e internazionale.

 

Il programma di questo 9 maggio prevede in apertura un incontro dedicato al futuro del restauro, alle nuove derive dell’informatica e ai risvolti dell’utilizzo di nuove applicazioni web per la condivisione di saperi e conoscenze in questo ambito: Restauro 2.0. Genesi ed ostacoli del sapere condiviso, promosso da OPD - Opificio delle Pietre Dure, all’interno del quale interverrà Giancarlo Buzzanca, Responsabile della sezione di Informatica Applicata, gestione dei sistemi informativi OPD, sviluppo e gestione del sito Web e degli strumenti Web 2.0.

 

Anche nella giornata di domani sarà dato ampio spazio ad uno dei prestigiosi premi in campo architettonico che ogni anno vedono in Restauro un’occasione ufficiale di riconoscimento e di grande richiamo per l’individuazione dei meritevoli vincitori.

Tra questi il rinomato Premio IQU 10° edizione: Innovazione e qualità Urbana, che proprio quest’anno festeggia dieci anni di tradizione, un traguardo importante per il confronto tra progetti e realizzazioni, tra professioni e pubbliche amministrazioni, tra ricerca e gestione dello spazio pubblico. Nato da un’idea di Manlio Maggioli, il premio si prefigge di individuare i migliori progetti sulla scena nazionale nell’ampio alveo dello spazio urbano delle città, con la volontà specifica di far apparire tutta quella diffusa e qualificata progettualità dei centri minori e del territorio, che difficilmente può essere valorizzato in un confronto nazionale.

La cerimonia di premiazione, organizzata e promossa da Maggioli Editore si svolgerà alla presenza della giuria e dei vincitori delle diverse sezioni ed aree tematiche del premio.

 

Dedicata nello specifico agli ordini del settore, sempre numerosi e assidui frequentatori delle iniziative di formazione e aggiornamento proposte dal programma di Restauro, la giornata di sabato 9 maggio prevede  anche altri due interessanti appuntamenti. Il primo è il seminario CHI PUÒ INSEGNARE IL RESTAURO? INCONTRO CON LA COMMISSIONE INTERNIMISTERIALE PER GLI ACCREDITAMENTI, promosso da Acropoli srl e coordinato da Giorgio Bonsanti, già Ordinario di Storia e Tecnica del Restauro all’Università di Firenze, prevede l’intervento di Gisella Capponi, Direttore ISCR, Marco Ciatti, Soprintendente OPD e altri illustri esponenti di Università e Accademie italiane, tutti facenti parte della Commissione Interministeriale per gli accreditamenti.

Successivamente, nel pomeriggio, sarà possibile partecipare alla tavola rotonda CASTELLI: spazi, edifici, uomini, idee, sui castelli e le loro strutture materiali, sui territori incastellati, sulle modalità di costruzione ed uso e sugli uomini che le svilupparono e le applicarono.

 

Un’ultima chicca, tutta nazionale, per concludere in bellezza la rassegna di operazioni di restauro degne di nota, che vedono il nostro Paese primeggiare, è Il restauro del Mammuthus Meridionalis a L'Aquila, un focus tematico organizzato da EXPIN Srl in cui si esporranno quelle che sono state le principali tappe affrontate durante il restauro, durato più di un anno, di uno dei reperti più importanti del patrimonio culturale abruzzese e sicuramente uno dei più radicati nell’immaginario collettivo.

 

Ricordando che come al solito la fiera aprirà alle 9.00, ma chiuderà anticipatamente alle 17.00, vi diamo appuntamento a domani, per poter partecipare ed assistere agli ultimi interessanti e attuali focus di questa XXII edizione.

Ultima e imperdibile occasione per respirare quell’atmosfera di condivisione di conoscenze e saperi, unica nel suo genere, caratteristica di una manifestazione che ha dimostrato anche quest’anno la propria assoluta necessità, per fare il punto di una situazione sempre critica e difficile, ma che vede nel nostro patrimonio un’inestimabile fonte di rilancio dell’economia, sulla quale investire.